La Via della qualità ha il nome di Renzini


renzini001A Montecastelli, in Umbria, ora c’è una strada che indica dove sta di casa l’eccellenza della norcineria dal momento che è intitolata a Dante Renzini senior, capostipite della nota famiglia di produttori di salumi e di Alta Gastronomia. Il nipote, Mastro Dante, celebra l’avvenimento ed alcuni eventi che lo riguardano con un nuovo spumante della sua Cantina Albea, in Puglia, dedicato alla nonna.
“Via Dante Renzini (Mastro norcino 1889 – 1952)”: recita la targa che il Comune di Montecastelli, in provincia di Perugia, ha apposto da pochi giorni in una delle sue strade per onorare un grande personaggio locale che ha contribuito alla buona fama del paese.
Al numero civico “2”, c’è la testimonianza del valore di questo illustre concittadino del passato: lo stabilimento principale dell’Azienda Renzini, oggi diretta da Mastro Dante, nipote e degno discendente del primo dei norcini della stirpe. «Sono veramente orgoglioso del riconoscimento ufficiale attribuito al nonno che, con la moglie, ha iniziato qui l’attività, prima come oste e poi come norcino», ricorda il cavalier Renzini, «I nonni hanno dedicato tutta la loro vita non solo al lavoro ma anche a un sogno che è stato tramandato di generazione in generazione fino alla sua realizzazione, tra mille difficoltà».

L’omonimo del capostipite della famiglia ha continuato l’opera intrapresa dal nonno che era destinata a naufragare a seguito della prematura scomparsa del padre Attilio. Ancora adolescente Dante Renzini junior si è rimboccato le maniche e, a costo di sacrifici e molto impegno, è arrivato ai livelli attuali, superando le aspettative del predecessore: tre aziende nel settore della norcineria, una per la produzione dell’olio e una vitivinicola. Proprio per celebrare l’avvenimento della Via intitolata al patriarca dei Renzini, Mastro Dante ha pensato a una etichetta eccezionale, prodotta dalla Cantina-Museo Albea, ad Alberobello di Bari, di cui è titolare: «Per onorare i miei avi, ho voluto dedicare uno spumante brut alla nonna, “Donna Gislena Medici”, che era una persona austera ed elegante, come questo vino».


A produzione sperimentale, di circa 1000 bottiglie, lo spumante viene ottenuto da uve Verdeca (30%), Bianco d’Alessano (35%), Fiano Minutolo (20%) e Maruggio (15%). Dal profumo ricco e variegato, con sentori di frutta matura gialla tropicale e note di agrume candito, il brut (vendemmia 2007) presenta un grado alcolico del 13,5% Vol., buona acidità, grande struttura e rara piacevolezza di beva che si conclude con un preciso finale e una spiccata pienezza al palato.

L’occasione giusta per una degustazione conoscitiva del Donna Gislena Medici può essere la prossima manifestazione che si terrà il 12 dicembre in Albea: “Natale in Cantina”, alla sua seconda edizione consecutiva, che, con l’evento in contemporanea “LoVolio Extravergine”, rappresenta il gran finale del calendario di iniziative del Movimento Turismo del Vino Puglia. Durante la giornata, Albea sarà una delle 15 Aziende che gli appassionati potranno visitare da cima a fondo, assaggiando vini, taralli e friselline. Non solo: nell’ambito del programma delle Cantine e dei Frantoi Aperti, la struttura di Renzini è stata inserita come prima delle tre tappe del “tour goloso” concesso gratuitamente dall’APT di Bari a un gruppo ristretto di 50 persone che così potranno andare alla scoperta di alcune bontà enogastronomiche pugliesi.

In questo particolare dicembre, i motivi di soddisfazione non mancano certo a Dante Renzini che è reduce da importanti partecipazioni: in prima persona ha accompagnato i suoi favolosi prosciutti, gli unici presenti, allo Sparkle 2011, rendez vous riservato agli intenditori delle bollicine al top e organizzato dalla rivista “Cucina & Vini” all’Hotel Saint Regis Grand di Roma, e, sempre nella Capitale, in un noto ristorante, è stato protagonista delle riprese di Gusto, del Tg di Canale 5, che lo ha intervistato come esperto dell’arte della salumeria. Invece nei prossimi giorni, a Montecastelli, Mastro Dante sarà nuovamente davanti alle telecamere, questa volta di Mela Verde, di Rete 4, che senz’altro non trascureranno di riprendere la nuova targa “Via Dante Renzini”.