VINITALY, CRESCONO GLI ESPOSITORI DIRETTI, CAMBIA LA DATA E SPAZIO AL BIOLOGICO E BIODINAMICO


vinilayÈ ancora il settore vitivinicolo a trainare il comparto agroalimentare italiano. Nonostante la crisi, nel 2011, l’export ha superato i 4 miliardi e l’Italia si conferma leader sul mercato mondiale con una quota del 22 per cento. Uno scenario in cui Vinitaly, il più importante salone internazionale dedicato ai vini e ai distillati, continua a rappresentare un vantaggio competitivo per il sistema-Paese, un appuntamento imprescindibile per mettere in contatto le aziende nazionali con i maggiori buyer esteri, promuovendo al contempo la cultura del vino e il made in Italy.
L’edizione 2012 di Vinitaly, da domenica 25 a mercoledì 28 marzo alla Fiera di Verona, è stata presentata questa mattina a Milano, dal presidente di Veronafiere Ettore Riello, dal direttore generale di Veronafiere Giovanni Mantovani e dal direttore generale dello sviluppo dell’agroalimentare e della qualità del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali Giovanni Piero Sanna.
Presentata a Milano la 46^ edizione di Vinitaly, dal 25 al 28 marzo 2012 alla Fiera di Verona
VINITALY, CRESCONO GLI ESPOSITORI DIRETTI, CAMBIA LA DATA E SPAZIO AL BIOLOGICO E BIODINAMICO
È ancora il settore vitivinicolo a trainare il comparto agroalimentare
italiano. Nonostante la crisi, nel 2011, l’export ha superato i 4
miliardi e l’Italia si conferma leader sul mercato mondiale con una
quota del 22 per cento. Uno scenario in cui Vinitaly, il più importante
salone internazionale dedicato ai vini e ai distillati, continua a
rappresentare un vantaggio competitivo per il sistema-Paese, un
appuntamento imprescindibile per mettere in contatto le aziende
nazionali con i maggiori buyer esteri, promuovendo al contempo la
cultura del vino e il made in Italy. L’edizione 2012 di Vinitaly, da
domenica 25 a mercoledì 28 marzo alla Fiera di Verona, è stata
presentata questa mattina a Milano, dal presidente di Veronafiere Ettore
Riello, dal direttore generale di Veronafiere Giovanni Mantovani e dal
direttore generale dello sviluppo dell’agroalimentare e della qualità
del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali Giovanni
Piero Sanna.
Milano, 7 marzo 2012. Oltre 10 miliardi di euro di fatturato. Più di 4
miliardi provenienti dall’export, in crescita del 13 per cento sul 2010.
Sono i numeri con cui ha chiuso il 2011 il settore vitivinicolo
italiano, a dispetto della crisi economica. In Italia, il mondo del vino
continua a fare la parte del leone trainando l’intero comparto
agroalimentare e confermando il proprio ruolo di leader sui mercati
esteri con una quota del 22 per cento. Un risultato che ribadisce
l’eccellenza nazionale, forte anche di una manifestazione come Vinitaly
(www.vinitaly.com), il più importante salone internazionale per il
business dei vini e dei distillati, alla Fiera di Verona da domenica 25 a
mercoledì 28 marzo 2012. La 46^ edizione della rassegna, punto di
contatto privilegiato tra il prodotto made in Italy e buyer provenienti
da più di cento Paesi, è stata presentata questa mattina a Milano. Ad
illustrare il programma con le sue novità, il presidente di Veronafiere
Ettore Riello, insieme al direttore generale di Veronafiere Giovanni
Mantovani e al direttore generale dello sviluppo dell’agroalimentare e
della qualità del Ministero delle politiche agricole, alimentari e
forestali Giovanni Piero Sanna.
«Il sistema fieristico è essenziale per la crescita della politica
industriale del Paese. Veronafiere presidia con le sue manifestazioni il
45 per cento del settore relativo all’agroalimentare, con Vinitaly
fondamentale per la promozione del vino in Italia e all’estero – ha
dichiarato Ettore Riello Riello, presidente di Veronafiere e anche
dell’AEFI, l’Associazione Esposizioni e Fiere Italiane –. L’edizione
2012 vede l’incremento degli espositori diretti e totali che sono oltre
4.200 e presenta molte novità. A cominciare dal cambio della data. Si
passa infatti ad una rassegna più breve di un giorno e concentrata da
domenica a mercoledì invece che da giovedì a lunedì. Una soluzione
pensata per ottimizzare le iniziative dedicate all’incontro tra
espositori, per la prima volta anche da Uzbekistan, Moldavia, Azerbaijan
e Armenia, e i buyer da tutto il mondo, con più spazio agli operatori
del canale horeca e ai sommelier»
Per il direttore generale di Veronafiere Giovanni Mantovani «Vinitaly
2012 ha rinnovato il format per garantire ancora maggiori opportunità di
business alle aziende e sempre più presenze internazionali, come
dimostrano l’apertura ai mercati emergenti e l’attenzione allo sviluppo
di nuovi settori. In proposito debutta infatti ViViT – Vigne, Vignaioli,
Terroir, la rassegna dedicata ai vini da agricoltura biologica e
biodinamica che ha anticipato la recente decisione UE di riconoscere le
etichette bio dalla prossima vendemmia. Vinitaly ha poi un’anteprima
d’eccezione, sabato 24 marzo a Palazzo della Ragione, con Opera Wine:
grand tasting dei 100 migliori produttori nazionali, in rappresentanza
di tutte le regioni, selezionati da Wine Spectator. Nell’occasione anche
l’incontro “Italian icon: from Fashion to Wine”, con la partecipazione
del presidente di Altagamma Santo Versace».
A Vinitaly tornano poi le degustazioni, con Taste Italy che si
arricchisce della collaborazione di Doctor Wine, alias Daniele Cernilli,
senza dimenticare Tasting Ex…Press e Trendy oggi, Big domani. Il
Gambero Rosso presenta i 375 vini premiati con i Tre Bicchieri, mentre a
Civiltà del Bere il compito di guidare la degustazione “Di padre in
figlio: il passaggio generazionale nelle grandi famiglie del vino”. La
Valpolicella è protagonista della retrospettiva “Trent’anni di Amarone
d’Arte” e “Le grandi biografie del vino” di Ais Bibenda si concentrano
sulle cantine Gaja, Florio, Tenuta dell’Ornellaia e Frescobaldi.
Oltre al business, durante i quattro giorni di manifestazione, si fa
anche cultura del vino. Ecco allora convegni e seminari, con la
presentazione delle ricerche “Consumi di vino nella Gdo”, “Comportamenti
d’acquisto dei consumatori allo scaffale vini del supermercato” e
“Consumo del vino nel fuori casa”. Ci sono poi l’“Indagine sul passaggio
generazionale nelle aziende vitivinicole” presentata da Renato
Mannheimer e i primi risultati dell’inchiesta “Vino, futuri possibili-1°
rapporto di filiera”, realizzata in collaborazione con il Sole24Ore. La
Fipe, Federazione italiana pubblici esercizi, approfondisce il tema del
consumo “fuori casa” con due dibattiti, mentre Vinitaly si occupa di un
focus sui mercati internazionali di Stati Uniti ed Asia.
Alla sera invece si pensa ai wine lover con Vinitaly for you, il dopo
salone serale in centro città, al Palazzo della Gran Guardia, dove
degustare buoni vini con il sottofondo di musica dal vivo.
Come ogni anno, infine, in contemporanea con Vinitaly si svolge Sol, il
Salone internazionale dell’olio extravergine (www.sol-verona.com),
giunto alla 18^ edizione. Tra i padiglioni spazio anche al meglio
dell’agroalimentare italiano di qualità con il 6° Agrifood Club
(www.agrifoodclub.com) e agli accessori e alle attrezzature per la
cantina e il frantoio in mostra al 15° Enolitech, il Salone
Internazionale delle Tecniche per la Viticoltura, l’Enologia e delle
Tecnologie Olivicole ed Olearie (www.enolitech.com).