IL 43° VINITALY PREMIA I “BENEMERITI” DELL’ENOLOGIA ITALIANA


boden_vinitalyIl Premio Cangrande 2009 consegnato nella giornata inaugurale del Salone
Dal 1973 i grandi interpreti del mondo enologico italiano ricevono a Vinitaly (dal 2 al 6 aprile 2009 a Veronafiere, www.vinitaly.com) il Premio Cangrande “Benemeriti della Vitivinicoltura”. Il prestigioso riconoscimento viene assegnato seguendo le indicazioni degli Assessorati regionali all’agricoltura, che segnalano quanti con la propria attività professionale o imprenditoriale abbiano contribuito e sostenuto il progresso qualitativo della produzione viticola ed enologica della propria regione e del proprio Paese. 

Per il 43° Vinitaly, giovedì 2 aprile, nel pomeriggio della giornata inaugurale, le argentee insegne di Cangrande sono attribuite a: Nicola D’Auria (Abruzzo); Michele Dragone (Basilicata); Michael Goëss-Enzenberg (Provincia autonoma di Bolzano); Azienda Fratelli Davoli (Calabria); Silvia Imparato (Campania); Isidoro Lamoretti (Emilia-Romagna); Piero Villotta (Friuli-Venezia Giulia); Gabriele Pandolfo (Lazio); Azienda Riviera dei Fiori (Liguria); Pietro Nera (Lombardia); Ampelio Bucci (Marche); Nicola Di Tullio (Molise); Ornella Costa Correggia (Piemonte); Ennio Giuseppe Cagnazzo (Puglia); Franco Argiolas (Sardegna); Pierpaolo Messina (Sicilia); Ivan Giuliani (Toscana); Mario Pojer (Provincia autonoma di Trento); Stefano Grilli (Umbria); Fernanda Saraillon (Valle d’Aosta); Vanino Negro (Veneto).


I nomi di questi professionisti ed imprenditori premiati vanno ad arricchire un Albo d’Oro composto da una serie di personalità che hanno fortemente contribuito alla crescita del sistema viticolo ed enologico italiano, tanto da farne un modello di riferimento internazionale.

Vinitaly 2009 – Gallery